RiceHouse: dal riso alla casa

È nato tutto osservando le risaie attorno a Biella. E quegli scarti che rimanevano sui campi, destinati a essere bruciati, perché inadatti all’allevamento. Ma dato che in architettura veniva già usata la paglia di altri cereali, Tiziana Monterisi e il compagno si sono chiesti: perché non provare anche con quella del riso? Detto, fatto. E da una semplice idea è nata una ormai consolidata realtà imprenditoriale: Ricehouse. Dal chicco alla casa, l’agricoltura che si intreccia con l’architettura. In modo etico e sostenibile.
 
Gli scarti si trasformano in materiali per la bioedilizia adatti a tutti i tipi di costruzioni. Così l’ambizioso progetto si sta facendo largo nel mercato sostenibile, tra riconoscimenti, premi e contratti. Una startup che commercializza nuovi materiali e realizza nuovi prodotti, dal telaio in legno e paglia di riso a termo intonaci, malte, massetti alleggeriti e…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer