Rivoluzione idrogeno. La piccola molecola che può salvare il mondo


Rivoluzione idrogeno. La piccola molecola che può salvare il mondo 

Roma, 5 ago. – (Adnkronos) – L’energia del futuro in una molecola. L’idrogeno, l’elemento più abbondante dell’universo, può essere la soluzione da affiancare all’elettricità rinnovabile perché consente di trasformare l’energia solare ed eolica in un combustibile efficiente, facile da trasportare, stoccare, distribuire e utilizzare, attraverso il grande vantaggio di essere illimitato e pulito.
Ma serve una “Rivoluzione idrogeno”, come recita il titolo del libro di Marco Alverà (“Rivoluzione idrogeno. La piccola molecola che può salvare il mondo”, Mondadori Electa) attraverso il suo piano in 10 mosse per far decollare l’economia dell’idrogeno.
Attraverso un piano ambizioso, sostiene Alverà, è possibile intravedere uno scenario nel quale al prezzo di 2 biglietti verdi per chilo si raggiunga un “punto di svolta” per l’idrogeno, che in soli cinque anni potrebbe essere competitivo attraverso il petrolio e senza sussidi.

Le sfide per l’dichiarazione definitiva dell’idrogeno verde (quello prodotto utilizzando elettricità da fonti rinnovabili) prevedono il miglioramento della sua reputazione e percezione di sicurezza; rendere capillari le infrastrutture di fornitura; ridurre i costi.
Serve un piano, deciso e ambizioso, e questo è quello suggerito da Alverà.
Primo, darsi un obiettivo: far scendere il costo dell’idrogeno verde fino a raggiungere la parità con i combustibili fossili in molte applicazioni in cinque anni; questo vuol dire raggiungere un costo tra i 2-3 biglietti verdi al…

seguici...sullo stesso argomento