Salini Impregilo lancia offerta di scambio su bond da 600 milioni


Salini Impregilo lancia un’offerta di scambio su un bond da 600 milioni riservato a investitori istituzionali.

In particolare il gruppo ha incaricato Banca Akros – Gruppo Banco BPM, Banca IMI, BofA Securities, Citigroup, Goldman Sachs International, Natixis e UniCredit Bank, in qualità di Joint Lead Managers, e BBVA, Equita SIM e MPS Capital Services Banca per le Imprese, in qualità di Co-Managers al fine di organizzare un roadshow con investitori qualificati, italiani e internazionali, con l’obiettivo di valutare le condizioni di mercato in relazione alla potenziale emissione di obbligazioni senior non garantite a tasso fisso.
La nota del gruppo indica che le nuove obbligazioni sono destinate ad essere oggetto di un’offerta di scambio con le obbligazioni in circolazione “600,000,000 euro 3.75 per cent. Notes due 24 June 2021” della società, e potranno anche essere offerte, in parte, in sottoscrizione a nuovi investitori. I proventi delle nuove obbligazioni non oggetto di scambio saranno utilizzati per il rifinanziamento di debito bancario attualmente in essere.
Ricorrendone le condizioni di mercato, l’operazione complessiva sarà eseguita nel corso del mese di gennaio 2020. Si ipotizza – aggiunge la società – che le nuove obbligazioni saranno riservate esclusivamente a investitori qualificati, con esclusione di collocamento negli Stati Uniti d’America ed altri paesi selezionati, e saranno destinate ad essere quotate presso Euronext Dublin, la stessa sede di quotazione delle Obbligazioni 2021. Le caratteristiche delle nuove obbligazioni, incluso il relativo tasso di interesse, come per prassi, saranno determinate alla data di pricing, tenendo in considerazione, tra l’altro, le adesioni ricevute ai sensi dell’offerta di scambio delle obbligazioni 2021 e la situazione di mercato.

Lascia un commento