Salini Impregilo: ricavi consolidati 2019 a 5,33 mld


Grafico Azioni Salini Impregilo (BIT:SAL)
Intraday

Oggi : Mercoledì 11 Marzo 2020

Clicca qui per i Grafici di Salini Impregilo

I Ricavi 2019 consolidati del gruppo Salini Impregilo (dati adjusted) sono pari a 5,331 mld rispetto ai ricavi del 2018 pari a 5,411 mld.

I principali contributi alla formazione dei ricavi del periodo, spiega una nota, sono riferibili ad alcuni grandi progetti tra cui, in particolare, quelli del Gruppo Lane, i lavori dell’Alta Velocità/Alta Capacità ferroviaria relativa alla linea Milano – Genova, le commesse attive in Etiopia, i lavori in Arabia Saudita tra cui la progettazione e la costruzione della nuova linea della metropolitana di Ryiadh, nonché il progetto di realizzazione della diga di ROGUN in Tagikistan.

L’Ebitda del 2019 è pari a 422,6 milioni (423,4 milioni), mentre l’Ebit si attesta a 183,9 milioni (222,2 milioni).

La gestione finanziaria evidenzia oneri finanziari netti per circa 73,2 milioni rispetto a 76,8 milioni dell’esercizio 2018.

La gestione delle partecipazioni ha registrato un risultato negativo di 19,1 milioni (negativo per 16,5 milioni).

Il risultato prima delle imposte, in aumento rispetto al periodo di confronto,si attesta a 91,6 milioni (128,9 milioni).

Il patrimonio netto si attesta a 1.504,1 milioni evidenziando una solida struttura patrimoniale.

Il rapporto Posizione Finanziaria netta/Patrimonio netto (basato sulla posizione finanziaria netta delle attività continuative) al 31 dicembre 2019, su base Consolidata, è pari a 0,42.

A fine 2019 il portafoglio ordini totale risulta pari a 36,2 miliardi, di cui 29,5 miliardi relativi alle costruzioni e 6,5 miliardi alle concessioni.

Oltre l’85% del backlog construction del Gruppo è relativo a progetti legati all’avanzamento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) delle Nazioni Unite, e il 60% relativo a progetti focalizzati sulla riduzione di emissioni di carbonio.

Il totale dei nuovi ordini acquisiti nel 2019 ammonta a circa 8,1 miliardi. Oltre il 75% dei nuovi ordini è stato acquisito in Australia, Nord America ed Europa, a conferma della strategia commerciale di consolidamento del portafoglio ordini nei mercati con basso profilo di rischio. In particolare, nel corso del 2019 il Gruppo è entrato in Norvegia, aggiudicandosi un contratto per il potenziamento di una tratta ferroviaria, e in Canada con un contratto per la realizzazione di una linea ferroviaria leggera.

Il Cda infine ha proposto la distribuzione di un dividendo di 0,03 euro per azione ordinaria e 0,26 per azione di risparmio e l’Assemblea Ordinaria è convocata per il giorno 22 aprile 2020.

com/fus

marco.fusi@mfdowjones.it

Lascia un commento