Salvini: «A giugno pistola elettrica per le forze dell’ordine»

«A giugno arriva in dotazione delle forze dell’ordine la pistola elettrica». Ad annunciarlo è il ministro dell’Interno Matteo Salvini durante la convention della Lega nel Lazio. Il taser, già utilizzato dalle forze dell’ordine di 107 Paesi per immobilizzare soggetti sospettati di reato, è stata introdotta in Italia in via sperimentale, il 5 settembre. Il decreto attuativo era stato firmato da Salvini a inizio luglio e le prime prove sono iniziate da settembre. Fu lo stesso Salvini a darne notizia: «Dal 5 settembre in 12 città italiane -disse via twitter il vice premier – da Milano fino a Catania, inizierà la sperimentazione del taser, la pistola elettrica non letale che aiuterà migliaia di agenti a fare meglio il loro lavoro».

Via libera al taser
Il caso del Carabiniere ucciso durante un controllo a Foggia ha fatto un po’ da detonatore, anche se l’idea di dotare le forze dell’ordine della pistola elettrica (che funziona tramite emissione di brevi scariche elettiche ad alta tensione, 50mila volt) era già nell’aria. Trenta le pistole che sono state usate per la sperimentazione in 12 città: Milano, Napoli, Torino, Bologna, Genova, Firenze, Palermo, Catania, Padova, Caserta, Reggio Emilia e Brindisi.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer