Savona in Consob, tra intelligenza artificale e scongiuri per l’età

MILANO – In Italia il “debito pubblico è solvibile e non c’è un problema di carenza di credito data l’elevatezza del risparmio ed i buoni fondamentali dell’economia produttiva”, c’è invece “un problema di fiducia da parte dei risparmiatori”. Paolo Savona lo sottolinea, in Senato, in audizione sulla sua designazione a presidente della Consob. Così, dice, “un punto di forza si tramuta in un punto debolezza per la carenza di fiducia che induce un uso esterno del riparmio” che andrebbee “invece finalizzato allo sviluppo interno tenendo sotto controllo il rischio”. Così Savona inquadra anche il ruolo della Consob che, “come altre Istituti, presiede alla tutela del risparmio”.

“La prima fase della mia ipotetica azione” in Consob sarà “creare un gruppo di lavoro per studiare l’applicazione dell’intelligenza artificiale nella gestione delle informazioni ricevute e quelle raccolte, del processo decisionale interno e dell’attività ispettiva…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer