Sei Nazioni: volata a tre per il titolo, Italia già ultima

È l’Italia, purtroppo, l’unica squadra sicura del piazzamento finale a un turno dal termine del Sei Nazioni 2019. Dopo la netta sconfitta subita in Inghilterra non c’è modo di scampare all’ultimo posto. A giocarsi la quarta e la quinta posizione restano Francia e Scozia, entrambe a sei punti e ormai irraggiungibili dagli Azzurri, ma la volata più interessante sarà ovviamente quella per il titolo. Tre squadre in due punti: Galles 16, Inghilterra 15, Irlanda 14. Il Galles è l’unico team in grado di poter puntare solo su se stesso, perché se vince guadagna i tre punti supplementari per essersi aggiudicato tutte le partite e si assicura il trofeo. L’Inghilterra, invece, passerebbe in testa se battesse la Scozia a Londra e se il Galles perdesse in casa dall’Irlanda, la quale potrebbe invece confermarsi vincitrice del Sei Nazioni solo se si imponesse a Cardiff e contemporaneamente gli inglesi non riuscissero a superare gli scozzesi.

Nel quarto turno il Galles ha vinto per l’ennesima volta senza strafare in termini di punteggio, ma in questo modo ha allungato a 13 il suo record assoluto di vittorie consecutive (dentro e fuori dal torneo). Durante il primo tempo – concluso sul 6-15 – la superiorità degli ospiti in rosso era sembrata abbastanza netta ma nella ripresa le parti si sono invertite e la Scozia, sospinta dal pubblico di Murrayfield, ha assaltato la metà campo avversaria. Ottenendo però alla fine solo un parziale di 5-3, grazie alla meta del “piccolo” Darcy Graham (175 centimetri per 76 chili, rugbysta in via di estinzione a questi livelli) parzialmente bilanciata nel finale da un calcio di Anscombe.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer