Sentenza su cessione quota B.Mediolanum, chiesta archiviazione per Berlusconi ed altri

ROMA (Reuters) – La Procura di Roma ha chiesto l’archiviazione per Silvio Berlusconi ed altri indagati per corruzione in atti giudiziari in relazione alla sentenza del Consiglio di Stato che il 3 marzo 2016 annullò l’obbligo dell’ex premier di cedere la quota eccedente il 9,99% detenuto in Banca Mediolanum (MI:BMED), come chiesto da Banca d’Italia.

Lo riferiscono fonti giudiziarie, spiegando che l’archiviazione è stata chiesta perché non è stato possibile provare la dazione di denaro.

E’ stata chiesta l’archiviazione anche per Roberto Giovagnoli, giudice estensore della sentenza Mediolanum, l’ex funzionario della Presidenza del Consiglio, Renato Mazzocchi e l’avvocato romano Francesco Marascio che, secondo l’ipotesi originaria, avevano fatto da intermediari. Anche per loro l’ipotesi era corruzione.
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer