Sentenza su quota Berlusconi in Mediolanum, l’ex premier fra indagati corruzione

MILANO, 8 marzo (Reuters) – L’ex premier Silvio Berlusconi è indagato dalla procura di Roma per corruzione in atti giudiziari in relazione alla sentenza del Consiglio di Stato che il 3 marzo 2016 annullò l’obbligo  di cedere la quota eccedente il 9,99% detenuto in Banca Mediolanum (MI:BMED), come chiesto da Banca d’Italia.

Lo riferisce un fonte giudiziaria, mentre al momento non è stato al momento possibile avere un commento da Fininvest mentre l’avvocato del leader di Forza Italia, Niccolò Ghedini, ha detto a Reuters al telefono che “si tratta di un’indagine dalla quale il presidente Silvio Berlusconi era stato già archiviato, e siamo certi che accadrà di nuovo”.

Nel dicembre scorso era emersa l’esistenza dell’indagine per corruzione sulla sentenza…
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer