Sky: al Ministero del Lavoro su vertenza Almaviva il 20/5


Il prossimo 20 maggio Sky e’ stata convocata dal Ministero del Lavoro per discutere della vertenza Almaviva mentre il giorno seguente incontrerà nuovamente i sindacati.

Lo annunciano le segreterie nazionali slc-cgil, fistel-cisl, uilcom-uil, ugl telecomunicazioni dopo la riunione di oggi in videoconferenza con la dirigenza di Sky.

L’azienda ha dichiarato che i volumi sono in calo, che stanno progressivamente cambiando il modello di Caring, adattandolo ai cambiamenti dei servizi che, sono sempre piu’ legati alla trasformazione digitale. Le attivita’ di Sky vengono in parte internalizzate nel customer care interno che è stato già oggetto di accordo sindacale ed e’ in fase di avvio un percorso di formazione sulle nuove attività.

Sky ha anche rimarcato che i canali web e self care sono sempre piu’ usati dai vecchi e nuovi clienti riducendo di fatto i volumi delle chiamate. Il sindacato ha dichiarato che altri competitor di Almaviva stanno selezionando persone da avviare sulle attività di SKY, che i volumi delocalizzati aumentano, che c’e’ un significativo impiego di somministrati ed hanno rivendicato l’applicazione della clausola sociale per i 310 lavoratori impiegati sulla commessa (Palermo e Milano).

Il sindacato si e’ reso disponibile ad un confronto serio e costruttivo per cercare soluzioni condivise, ma ha fermamente respinto qualsiasi soluzione che non comprenda l’intero perimetro occupazionale. I lavoratori di Almaviva interessati alla vertenza lavorano sulla commessa Sky dal 2003, hanno contribuito al successo dell’azienda e non possono essere scaricati con il pretesto di non avere le competenze per affrontare il cambiamento.

pev

Lascia un commento