Stima choc: Torino perderà 800.000 viaggiatori per un valore di 186 milioni di euro in meno – La Stampa


Stima choc: Torino perderà 800.000 viaggiatori per un valore di 186 milioni di euro in meno – La Stampa 

Il tentativo del Museo Egizio di aprire tutti i giorni ad agosto non è rimasto isolato: pure altri musei hanno seguito l’esempio organizzando iniziative speciali per Ferragosto. Come la Fondazione Torino Musei che per il 15 agosto propone i musei al prezzo speciale di 1 euro e visite guidate alle collezioni e alle mostre in corso.

Ma la sensazione è che tutto ciò non basti. Per Confesercenti, difatti, le città d’arte stanno vivendo una stagione da allerta rosso. A due mesi dalla riapertura dei confini regionali post lockdown(la chiusura), è l’assenza dei viaggiatori stranieri a mettere in ginocchio l’economia dei campanili storici del Belpaese. Roma, Venezia, Firenze, Milano e Torino, che insieme valgono oltre un terzo del turismo italiano, si apprestano a perdere nel 2020 quasi 34 milioni di presenze dall’estero, con conseguenze importanti per tutto l’indotto cittadino, oltretutto per le imprese dei centri storici. Lo stop dei visitatori causerà difatti una perdita di circa 7 miliardi di euro di spese turistiche complessive, di cui 4,9 miliardi a carico del settore alloggio, della ristorazione e delle attività commerciali e dei servizi.

Un allerta fondato sulle previsioni di Tourism economics che assegnano la maglia nera a Venezia: per la millenaria Serenissima si prevede una diminuzione di 13,2 milioni di presenze, per un totale di 3 miliardi di euro di spesa turistica perduta. Segue Roma con 9,9 milioni circa di presenze in meno e 2,3 miliardi di consumi…

seguici...sullo stesso argomento