Sul Def pronta una nuova battaglia fra M5s-Lega e Tria

Il copione sembra ricalcare quello messo in scena alla vigilia della presentazione della legge di Bilancio. Con Matteo Salvini e Luigi Di Maio a settembre ben piantati sulla trincea del deficit-Pil al 2,4% e il ministro dell’Economia Giovanni Tria che faceva la spola con Bruxelles nel tentativo di trovare un punto di mediazione, evitare la procedura d’infrazione e soprattutto raffreddare lo spread a quota 300. Come è andata a finire è noto: il premier Giuseppe Conte convinse i due vicepremier a fare un passo indietro, il deficit fu tagliato dello 0,4%, la Commissione evitò di affondare il colpo, accontentandosi delle assicurazioni del Governo italiano, e di conseguenza lo spread si raffreddò. Ora ci risiamo.

Dalla legge di bilancio al Def
Dalla legge di Bilancio siamo passati al Def e alla possibilità di una manovra correttiva che tanto Salvini che Di Maio, coadiuvati dal premier, escludono e Tria che invece si limita a sperare non debba essere necessaria. Ma a differenza di allora ci sono già delle certezze con cui fare i conti. L’Italia è entrata in recessione e tutti gli istituti segnalano una crescita per quest’anno prossima allo zero. Prospettiva rafforzata dal crollo della produzione industriale, dal calo dell’export e dal blocco dei cantieri (non solo Tav). Ad aggravare la situazione la mancanza di misure anticicliche significative perché tali non sono ritenute né il reddito di cittadinanza né quota 100. Salvini e Di Maio lo sanno ma sono costretti a recitare il non possumus perché le elezioni incombono: dopo il test abruzzese di due settimane fa, domenica si replica in Sardegna, poi a marzo la Basilicata e l’appuntamento clou, il 26 maggio, con le europee (in contemporanea con il Piemonte). Un tour de force che il leader della Lega vuole si concluda con il primato del suo partito sull’alleato di Governo e il Capo del Movimento che lavora per limitare i danni e garantirsi la prosecuzione della legislatura. Impegno che anche Salvini, almeno a parole, vuole onorare. Anche se non sarà facile.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer