Svizzera, per gli impiegati pubblici il tragitto casa-ufficio entra a far parte dell’orario di lavoro


La Svizzera ha piena fiducia nei propri travet. Tanto da autorizzarli a contabilizzare, come orario di lavoro, il disbrigo delle pratiche nel tragitto casa-ufficio. Sempre che gli impiegati-pendolari utilizzino il treno o altre forme di mezzi pubblici. L’autorizzazione al lavoro prima del timbro del cartellino, da parte dell’amministrazione della Confederazione, è giunta dietro le pressanti richieste di quattro sindacati ed è entrata in vigore con l’inizio di gennaio.

“Oggigiorno flessibilizzare le forme di lavoro è diventata una necessità”, ha spiegato Anand Jagtap, responsabile delle risorse umane degli uffici pubblici elvetici. Il funzionario ha comunque aggiunto che spetterà ad ogni singolo capoufficio autorizzare o meno i propri funzionari, che in totale sono 38 mila, a contabilizzare il tempo di lavoro in treno.

È difficile, tuttavia, che ci siano dei quadri che si oppongano alla normativa, visto che in Svizzera la tendenza, per ora soprattutto nel privato, è quella di consentire sempre di più la flessibilizzazione degli orari. Basti pensare solo a un dato: ogni cittadino elvetico che lavora impiega, mediamente, 62 minuti al giorno nel tragitto casa-ufficio e ritorno. Come occuparli al meglio se non sbrigando una parte del lavoro è riducendo, in tal modo, pure il tempo di permanenza dietro una scrivania? Un esempio, in tal senso, venne dato, lo scorso anno, dell’allora ministra dei trasporti, Doris Leuthard, immortalata dallo smartphone di un pendolare mentre lavorava, insieme alla propria segretaria, seduta sui gradini di una carrozza a due piani del treno Berna-Zurigo.