Telefonia, in stand by il taglio dei costi per chi cambia operatore

Dovremo continuare a pagare, chissà per quanto tempo ancora, costi di cambio operatore telefonico che l’autorità di settore (Agcom) ha già giudicato eccessivi. L’Agcom a novembre infatti aveva stabilito regole per tagliare questi costi, dando tempo fino a gennaio agli operatori per adeguarsi. Ma gli operatori non l’hanno fatto, a quanto risulta dalle caratteristiche delle offerte e contrattuali presenti sui loro siti. Pende del resto un loro ricorso al Tar del Lazio, contro queste regole: l’udienza per ottenerne la sospensiva è prevista il 6 febbraio. Anche Sky ha fatto ricorso, dato che le regole valgono pure per la pay tv (sebbene Agcom abbia riscontrato principalmente in telefonia il problema dei costi eccessivi).

Ricordiamo le nuove regole. Prima: in telefonia il costo di disdetta base (che c’è su rete fissa e va di solito dai 35 ai 65 euro) non può essere superiore a…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer