Test sierologici, solo 64mila persone su 150mila hanno detto “sì”. Istat: “Apprezzati anticorpi su 1,5 milioni di italiani, sei volte in più dei positivi”


Test sierologici, solo 64mila persone su 150mila hanno detto “sì”. Istat: “Apprezzati anticorpi su 1,5 milioni di italiani, sei volte in più dei positivi” 

Ore 19 – iscriviti alla newsletter e
ricevi gli ultimi aggiornamenti nella tua casella.

Solo 64mila persone sulle 150mila previste hanno partecipato all’indagine sierologica condotta dall’Istat e dal ministero della Salute, in collaborazione con la Croce Rossa Italiana, per stimare quanti italiani siano entrati in contatto attraverso il covid-19 dall’inizio dell’epidemia. Il risultato, già anticipato dal Fatto.it, è stato restituito pubblico dallo stesso ministero e dall’Istituto di statistica durante una conferenza stampa. Il numero, sottolinea però la stessa direttrice generale dell’Istat, Linda Laura Sabbadini, non è un vero “flop”, pure se solo un terzo dei previsti afferma “sì”, perché ha permesso comunque di stimare “un milione e 482 mila persone, il 2,5% della popolazione residente in famiglia, con IgG positivo, che hanno cioè sviluppato gli anticorpi per il SarsCov2″. E quindi circa “sei volte in più rispetto al totale dei casi intercettati ufficialmente durante la pandemia”.

Leggi Pure

Covid-19, i dati: calano i nuovi casi, sono 295 nelle ultime 24 ore. Altre 5 vittime

L’indagine, spiegano, è stata condotta dal 25 maggio al 15 luglio, nonostante l’idea iniziale fosse quella di portare avanti la campagna per 15 giorni, ed è…

seguici...sullo stesso argomento