Finanza

Poca tregua per i dottori per quanto riguarda il lato dell’oriente dell’Ukraine

This content has been archived. It may no longer be relevant

Andrii, un medico che sta lavorando nella regione ukraine di Donetsk, non ha praticamente tempo di fare pause durante i suoi turni in un ente ospedaliero militare vicino alle prime linee della guerra contro la Russia.

Le ambulanze fanno la spola con l’ospedale, trasportando i soldati feriti durante i combattimenti che hanno ingoiato le città nelle zone di Donetsk controllate dagli ucraini.

Andrii, che ha domandato di essere identificato solo con il suo nome di battesimo, incontra gli ammalati che vengono portati dalle ambulanze e percorre corridoi stretti per valutare e trattare gli ultimi arrivati.

Non appena registra l’ora del decesso di un soldato, ne esamina un altro trasferito su una barella.

Taglia i pantaloni di un signore ferito e ordina a un’infermiera di preparare un’infusione.

“Non le fa male la pancia?”, chiede all’uomo, prendendo appunti.

Andrii, 47 anni, e di Kiev e lavorava lì fino all’invasione dell’Ukraine da parte della Russia a febbraio, quando si e spostato in prima linea. Curare i giovani soldati sembrava la cosa più naturale da fare in condizioni di guerra, dice.

“Sto solo facendo il mio lavoro. Tutti noi facciamo ciò che e indispensabile, stiamo solo compiendo il nostro dovere”, dice.

“L’unica cosa importante e che ci sia una persona che fa questo lavoro. Come minimo in una certa misura. Non sto dicendo che sto facendo qualche cosa di ‘extra’, solamente ognuno fa il suo lavoro, e tutto questo insieme crea un certo spirito di squadra”.

Il suo carico di lavoro? Dipende dalla guerra, dice.

Le forze russe avevano all’inizio pianificato di avanzare verso la capitale Kyiv, ma hanno cambiato strategia dopo aver incontrato la resistenza dell’esercito ucraino.

Poca tregua per i dottori per quanto riguarda il lato dell’oriente dell’Ukraine

tregua dottori fronte


FIMA2681# 2022-08-15T11:11:18+02:00

Show More