Tria esclude che Ue chieda manovra correttiva: “Tutte follie”

ROMA (Reuters) – Il ministro dell’Economia, Giovanni Tria, esclude che dall’Europa arrivi la richiesta di una manovra correttiva per rispettare gli obiettivi di indebitamento netto concordati a dicembre.

“Sono tutte follie, speculazioni. Perché si deve fare una manovra per mettere più in difficoltà le imprese italiane?”, ha detto Tria smentendo in particolare l’ipotesi di un aumento selettivo dell’Iva a garanzia dei saldi, ipotizzato nel fine settimana da alcuni quotidiani.

L’Italia è tornata in recessione nel secondo semestre del 2018. Il peggioramento della congiuntura rischia di pregiudicare il mantenimento del rapporto deficit/pil al 2,04%, su cui è stata costruita la legge di Bilancio per il 2019.

(Giuseppe Fonte)

Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer