Tria sulla Tav: “Nessuno investe se si cambiano patti”. Aumento Iva? “Sono follie”.

MILANO – Un messaggio in risposta alle indiscrezioni di potenziali aumenti dell’Iva, visto il sentiero sempre più stretto nel quale si sono ritrovate le finanze pubbliche con l’arrivo della recessione. Ma anche un messaggio al governo, quando si parla di investimenti, di Tav e di necessità di rispettare gli impegni per non perder la faccia davanti agli investitori (e i loro denari).

Il ministro dell’Economia è intervenuto alla trasmissione Quarta Repubblica. E lì, parlando dell’alta-velocità Torino-Lione, ha detto: “Non mi interessa l’analisi costi-benefici. Il problema non è la Tav, il problema è che nessuno verrà mai a investire in Italia se il Paese mostra che un governo che cambia non sta ai patti, cambia i contratti, cambia le leggi e le fa retroattive. Questo è il problema, non la Tav”. E ha aggiunto: “Bisogna portare avanti l’economia italiana…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer