Tutti gli affondi di Berlusconi contro i Cinque Stelle

L’ha ripetuto più volte. L’ultima a poche ore dalla vittoria del centrodestra alle regionali in Abruzzo. «Ma gli italiani sono impazziti? Solo 5-6 su 100 mi votano alle elezioni – ha confidato Silvio Berlusconi davanti alle telecamere di Canale 5 – una cosa fuori dal mondo», mentre – ha aggiunto il leader di Forza Italia – hanno affidato l’azienda Italia a chi non la conosce, non ha lavorato o studiato, come Di Maio e gli altri al vertice». Le critiche ai pentastellati e a chi ha deciso di votarli sono frequenti nelle uscite dell’ex presidente del Consiglio. E non da oggi.

«Non hanno mai lavorato, sono i veri professionisti della politica»
Novembre 2017. Le elezioni del 4 marzo che registreranno l’affermazione dei Cinque Stelle sono ancora lontane. Berlusconi interviene a Milano alla convention #IdeeItalia. Alla platea confida di considerare un suo «preciso dovere, come nel ‘94, scendere in campo per evitare che il paese vada in una situazione grave e pericolosa. Lo farò con le forze di chi ha più di 70 anni ma si sente giovane fisicamente e intellettualmente». I grillini? «Non hanno è arte nè parte. Si fanno comandare in tutto da un vecchio comico e da un esperto di comunicazione. L’87% non ha mai fatto la dichiarazione dei redditi, non hanno mai lavorato, sono i veri professionisti della politica, fuori dal Parlamento non saprebbero come campare».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer