Ue: Gentiloni, divergenze ripresa tra Paesi dovute anche a lockdown


“L’economia di ogni Stato membro si contrarrà nel 2020 registrando una ripresa nel 2021. Le divergenze tra Paesi sono innegabili e sono legate alle tempistiche e alla severità dei provvedimenti di confinamento nonché alla struttura economica, all’esposizione del settore del turismo e dei servizi. Prevediamo che le differenze tra Stati si approfondiranno. Nel 2021 la contrazione sostenuta del PIl è prevista per Francia, Italia e Spagna mentre contrazioni minori sono previste per Germania, Paesi Bassi e Polonia”.

Lo ha detto il commissario europeo all’Economia, Paolo Gentiloni,

durante la conferenza stampa di presentazione delle previsioni economiche

estive.

“In Italia la pandemia ha spinto l’economia in una severa contrazione durante i primi due trimestri del 2020. L’attività economica ha iniziato la ripresa a maggio e giugno. Ci sarà un’ulteriore ripresa nel secondo trimestre grazie al sostegno politico. Il PIl annuale calerà dell’11,2% nel 2020 a cui seguirà una ripresa del 6,1% nel 2021”, ha aggiunto.

cos