Ue: piano di Conte per il Recovery


Il governo lavora affinché già quest’anno possa contare su “consistenti anticipazioni” del piano per la ripresa europeo. Al momento esiste “un problema di immediata disponibilità delle risorse”, ha ammesso il premier Giuseppe Conte nella conferenza stampa convocata per celebrare l’avvio della fase 3 dell’emergenza sanitaria, con la riapertura dei confini regionali e nazionali. Il Paese entra in quella che negli auspici dovrà essere al fase della ripresa per l’economia. Tuttavia dal piano da 750 miliardi di euro messo a punto da Bruxelles si potrà attingere sarà soltanto dal 2021.

La Commissione Ue, scrive MF, emenderà quindi il bilancio 2014-2020 per garantire già nei prossimi mesi fondi per 11,5 miliardi di euro, attraverso una soluzione ponte, e che andranno a confluire nei fondi strutturali, nel Solvency Support Instrument e nel Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile. “Stiamo lavorando a strumenti che ci consentano di attingere a un’anticipazione più consistente dei fondi”, ha ribadito il premier.

red/lab