Notizie dei mercati

Il capo dell’ufficio ucraino di Amnesty va via da dopo che il gruppo accusa Kyiv

Il capo della sezione ukraine di Amnesty International va via da l’organismo per i diritti umani dopo che il gruppo ha accusato le forze armate ucraine di aver messo in pericolo i civili basando le truppe in aree residenziali durante l’invasione russa.

Amnesty ha fatto questi commenti giovedì e Kiev li ha paragonati alla propaganda e alla disinformazione russa.

Il Presidente Volodymyr Zelenskiy ha accusato il gruppo di favorire quelli che ha definito gli attacchi immotivati della Russia contro l’Ukraine. Il gruppo per i diritti umani, afferma, sta cercando di spostare la colpa dall’aggressore alla vittima.

Oksana Pokalchuk, leader nazionale di Amnesty, ha comunicato su Facebook nella tarda serata di venerdì che l’ufficio ucraino ha costantemente notato che le informazioni pubblicate da Amnesty giovedì dovevano tenere conto della posizione del Dicastero della Difesa ucraino.

“Di conseguenza, senza volerlo, l’organizzazione ha creato del materiale che sembrava un sostegno alle narrazioni russe. Nel tentativo di proteggere i civili, questo studio e diventato uno strumento della propaganda russa”, afferma Pokalchuk.

“Mi addolora ammetterlo, ma non eravamo d’accordo con la leadership di Amnesty International sui valori. Ecco perché ho deciso di lasciare l’organizzazione”, ha ribadito.

I funzionari ucraini hanno dichiarato di adottare ogni misura probabile per evacuare i civili dalle zone di frontiera. La Russia nega di aver preso di mira i civili in quella che descrive come una “operazione militare speciale”.

Il capo dell’ufficio ucraino di Amnesty va via da dopo che il gruppo accusa Kyiv

ufficio ucraino Amnesty


FIMA2632# 2022-08-06T07:54:06+02:00

Show More