Una fortuna in cantina: la grappa fa da garanzia al prestito bancario

Cos’ha di più prezioso un produttore veronese di grappa? La grappa stessa. Ecco perché le sue bottiglie possono diventare una ‘garanzia’ per un finanziamento concesso da una banca. E’ accaduto al gruppo Castagner, noto nome dei distillati di Vazzola. A farle da controparte dietro lo sportello c’era Banco Bpm, che ben conosce il territorio veneto.

L’operazione architettata ha caratteri innovativi. In pratica, l’azienda si è assicurata un finanziamento di 2 milioni di euro di durata quinquennale, con la possibilità di rinnovarlo durante il periodo di vita. Come spesso accade, per chiudere queste operazioni le banche chiedono in cambio una garanzia “reale”, ovvero dei beni dei quali entrare in possesso in caso l’affidatario (colui al quale son stati prestati i soldi) si dimostri incapace di rimborsare le rate con gli interessi.

Il ragionamento della banca è stato che – immaginando per ipotesi che…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer