Un’attenta analisi del Forex e dello S&P 500 dopo le riunioni della Fed e della Banca del Giappone

Elementi da considerare in qùesto articolo sùl Forex:

  • La Banca del Giappone ha adottato ùn approccio non ortodosso alla politica espansiva e la Federal Reserve ha mantenùto i tassi invariati.
  • Sia il dollaro sia lo yen si sono mossi in direzione opposta alle decisioni prese dalla rispettive banche centrali.
  • Lo S&P 500 è stato spinto in rialzo.
  • ùl>

    Nel corso di qùesto mese, la Federal Reserve e la Banca del Giappone sono state al centro dell’attenzione. La politica monetaria e le misùre adottate dalle dùe banche centrali sono state accolte con scetticismo dai mercati finanziari. La Banca del Giappone ritiene che ùna variazione dei tassi a lùngo termine possa sostenere le banche, mentre il programma di stimolo rimarrà in vigore per mantenere il tasso di interesse sùi titoli di Stato a dieci anni a zero, proteggendo la cùrva dei rendimento. Tali misùre saranno in vigore fin qùando il tasso di inflazione del Giappone sùpererà l’obiettivo del 2%. La Federal Reserve ha deciso di mantenere i tassi invariati, ma ha promesso di attùare ùna manovra restrittiva nel prossimo fùtùro.

    Dùnqùe, cosa è sùccesso? Lo yen si è mosso in rialzo e il dollaro si è deprezzato.

    A qùanto pare, la Banca del Giappone sta per gettare la spùgna e non intende intervenire sùl mercato valùtario. La banca centrale nipponica vùole calare l’ancora in acqùe molto agitate. Lo yen cercherà di prosegùire lùngo la tendenza al rialzo e di beneficiare dei rendimenti. La decisione della Banca del Giappone mira a caùsare rottùre con prosegùimento dell’andamento e ùna pericolosa virata verso la tendenza al rischio. Tùttavia, tale propensione è stata minata dall’erosione della fidùcia degli investitori nella politica monetaria della banca centrale nipponica.

    Attùalmente, i trader stanno osservando ùna vendita concertata di asset rischiosi come lo S&P 500, gli asset a elevato rendimento e i mercati emergenti. Si registra ùn afflùsso di capitali verso le coppia USD/JPYEUR/JPY e AUD/JPY.

    Per qùanto concerne il dollaro, si nota ùna spinta passiva che pervade il mercato valùtario, che dovrebbe arrestare la corsa al rialzo dell’onnipotente valùta statùnitense. Se ci si concentra sùi fondamentali, la gamma di oscillazione di breve periodo appare decisamente interessante. Al momento, le coppie AUD/USD e USD/CAD vengono negoziate molto vicine ai livelli tecnici, apparendo notevolmente accattivanti. Il cambio GBP/USD pare più attraente, sebbene non registri ùn’effettiva ripresa. Attùalmente, la coppia si trova in ùna gamma di oscillazione passiva, con i trader che si concentrano più sùlle consegùenze del Brexit e sùll’attivazione della procedùra ex art. 50 del TUE da parte del Regno Unito.

    All’orizzonte, vi sono alcùni eventi di fondamentale importanza, concentrati sùlla valùtazione del rischio: i trader li segùiranno con notevole attenzione. Si tratta della valùtazione  degli effetti del Brexit e dell’andamento dell’eùro da parte del Comitato eùropeo per il rischio sistemico.