UniCredit tra banche accusate di cartello su trading titoli stato da Ue

di Gianluca Semeraro e Silvia Aloisi

MILANO (Reuters) – UniCredit è tra le banche accusate dall’Unione Europea di aver fatto parte di un cartello per la compravendita di titoli di stato tra il 2007 e il 2012, gli anni della crisi economica.

La banca ha diffuso la notizia ieri sera su richiesta della Consob, più di due mesi dopo che la Commissione europea aveva rivelato che alcuni trader appartenenti a otto banche avevano scambiato informazioni sensibili e coordinato le strategie di trading su bond governativi denominati in euro.

In una pausa dei lavori dell’assemblea di bilancio, il Ceo Jean Pierre Mustier ha minimizzato la questione: “se sapeste quello che so io dareste il titolo della commedia di Shakespeare ‘Molto rumore per nulla’”, ha dichiarato.

Poco prima non aveva commentato sull’eventualità che la banca possa effettuare accantonamenti a fronte di una multa…
Leggi anche altri post markets o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer