Università, a numero chiuso 4 lauree su 10. Ecco come cambia il test di medicina

Non solo medicina, odontoiatria, veterinaria, architettura, scienze della formazione e professioni sanitarie. Le barriere all’ingresso per le matricole dell’università sono sempre più frequenti e riguardano, oltre ai corsi programmati a livello nazionale, appena citati, anche molte lauree il cui numero massimo di iscritti al primo anno viene stabilito direttamente dagli atenei con la programmazione locale. Si spazia così da economia a scienze della comunicazione, da farmacia a psicologia, da lingue a scienze motorie.

In totale – in base ai dati elaborati dal Miur per Il Sole 24 Ore del Lunedì – nell’anno accademico 2018/19, 70 atenei su 92 (il 76%) presentano un filtro in entrata. Si tratta di 1.736 corsi di primo e secondo livello su un’offerta complessiva di 4.560. In pratica, il numero chiuso è la regola per il 38% delle lauree: 732 percorsi programmati a livello nazionale e 1.004 a livello locale. Con un trend in costante crescita, visto che i corsi ad accesso regolamentato erano 1.646 nel 2016/17 e 1.701 nel 2017.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer