Università tedesca: gli smart contract non infrangono il diritto contrattuale tradizionale

Secondo una relazione riportata in un post dell’Università di Legge di Oxford, gli smart contract basati su tecnologia blockchain sarebbero senza dubbio soggetti al diritto internazionale privato.

Giesela Rühl, professoressa di diritto internazionale privato e codirettrice del Centro di Studi Europei della Friedrich Schiller University di Jena, in Germania, ha intitolato la sua analisi “The Law Applicable to Smart Contracts, or Much Ado About Nothing?” (La legge applicabile agli smart contract, o molto rumore per nulla?). Come suggerisce il titolo, la relazione sostiene che il presunto attrito tra i contratti intelligenti e le leggi già esistenti non sia poi così enorme come si potrebbe pensare.

Leggi il testo completo su Cointelegraph

criptovalute o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer