Usa: Rubio guiderà ad interim commissione Intelligence Senato


Il leader della maggioranza al Senato americano, Mitch McConnell, ha selezionato Marco Rubio per dirigere temporaneamente la commissione Intelligence del Senato.

Rubio, repubblicano della Florida, sostituirà il senatore Richard Burr, che ha deciso di farsi da parte durante la conduzione delle indagini e lasciare il suo posto da presidente del panel la scorsa settimana, dopo che gli agenti federali hanno sequestrato il suo cellulare nell’ambito dell’indagine sulle transazioni finanziarie da lui condotte in vista del crollo dei mercati causato dall’epidemia di coronavirus. Burr ha negato qualsiasi reato.

McConnell ha dichiarato che Rubio è la scelta naturale per l’incarico per la sua competenza in materia di sicurezza nazionale e al suo precedente incarico presso le commissioni Intelligence e Relazioni Estere.

“Il senatore Rubio ha lavorato per anni su questioni geopolitiche, come la Cina, la Russia, l’Iran e la Corea del Nord, e politiche, come la tirannia e i disordini nel nostro emisfero”, ha dichiarato McConnell.

La commissione Intelligence del Senato, nota per la collaborazione dei membri di entrambi i partiti durante la guida di Burr e del democratico Mark Warner, ha indagato sull’interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016. Il panel continua a lavorare all’inchiesta.

La quinta e ultima puntata delle sue conclusioni, che fa emergere che la campagna del presidente americano, Donald Trump, ha segretamente lavorato con la Russia, dovrebbe essere pubblicata nei prossimi mesi. La commissione ha, inoltre, esaminato la denuncia delle interazioni del presidente Trump con l’Ucraina.

Rubio ha accolto i dati dell’intelligence statunitense, che ha scoperto che la Russia ha interferito nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016, a volte ponendosi in opposizione a Trump, il quale non ha esitato a mettere in dubbio tali conclusioni.

Uno dei primi punti all’ordine del giorno della commissione guidata adesso da Rubio è il voto di oggi sulla nomina del repubblicano John Ratcliffe a direttore della National Intelligence, un post che coordina il lavoro delle 17 Agenzie di Intelligence statunitensi.

fux

Lascia un commento