Dow Jones

Usa: strategia Fda su richiamo vaccini pronta a inizio settembre



La Food and Drug Administration (Fda) statunitense dovrebbe completare una strategia sul richiamo dei vaccini contro il Covid-19 entro l’inizio di settembre, che stabilirà quando e quali individui vaccinati dovrebbero ricevere una nuova iniezione, hanno detto alcune persone che hanno familiarità con le discussioni all’interno dell’agenzia.

L’amministrazione Biden sta spingendo per il rilascio rapido di una strategia sui richiami perché alcuni gruppi – persone di età pari o superiore a 65 anni e immunodepressi, nonché coloro che hanno ricevuto le iniezioni a dicembre o gennaio poco dopo che sono state lanciate – potrebbero bisogno di richiami già questo mese, hanno detto due fonti.

Qualsiasi strategia sui richiami del Governo degli Stati Uniti dovrà bilanciare la necessità di affrontare il calo della protezione per alcune persone in un momento in cui i vaccini continuano a scarseggiare nei Paesi in via di sviluppo.

Circa la metà del Paese, ovvero 165 milioni di persone, è stata completamente vaccinata, secondo i dati federali. La ricerca mostra che i vaccini autorizzati offrono una protezione efficace contro il Covid-19 sintomatico per almeno sei mesi. La protezione diminuisce nel tempo portando alcuni esperti di salute pubblica e produttori di vaccini a credere che i richiami siano necessari per mantenere la protezione. Un numero crescente di studi suggerisce che i vaccini sono meno efficaci tra le persone con un sistema immunitario indebolito rispetto alla popolazione generale.

Dati recenti di Pfizer/BioNTech mostrano che l’efficacia del loro vaccino diminuisce di circa il 6% ogni due mesi, il che suggerisce che i richiami potrebbero essere ampiamente necessari, ha affermato una delle fonti. Pfizer prevede di chiedere questo mese alle autorità di regolamentazione statunitensi di autorizzare la dose di richiamo del suo vaccino, sostenendo che potrebbe essere necessario una terza dose per proteggersi dal virus in evoluzione.

Moderna ha dichiarato ieri di aspettarsi che le persone che hanno ricevuto il suo vaccino a due dosi abbiano bisogno di una terza dose in autunno per mantenere una forte protezione contro le nuove varianti del coronavirus. L’amministratore delegato di Moderna, Stephane Bancel, ha dichiarato in un’intervista ieri che la società prevede di chiedere alla Fda di autorizzare le due dosi di richiamo a settembre.

Alcuni Paesi, tra cui Israele, hanno autorizzato dosi di richiamo per pazienti immunodepressi e anziani. I medici e gli immunologi negli Stati Uniti hanno affermato che non è ancora chiaro se siano necessarie per la popolazione generale.

Un piccolo ma crescente numero di persone vaccinate risulta positivo al Covid-19 ma quasi nessuna di loro muore o necessita del ricovero in ospedale. Gli scienziati affermano che ciò è dovuto al fatto che i vaccini stanno funzionando, in parte aumentando la capacità delle cellule del sistema immunitario di dare la caccia e distruggere le cellule infette.

Gli Stati Uniti avranno una fornitura sufficiente di vaccini se saranno necessari i richiami per la popolazione generale ma la Casa Bianca sta affrontando pressioni a livello internazionale per donare dosi piuttosto che avviare una campagna di richiamo a livello nazionale. L’Organizzazione Mondiale della Sanità mercoledì ha chiesto di sospendere i richiami almeno fino alla fine di settembre, citando l’urgente necessità di vaccinare il resto del mondo.

Il dottor Anthony Fauci, direttore dell’Istituto nazionale di allergie e malattie infettive, ha dichiarato ieri che è estremamente importante fornire richiami alle persone immunodepresse.

Il Comitato consultivo sulle pratiche di immunizzazione, che fornisce consulenza al Governo degli Stati Uniti sui vaccini, ha espresso sostegno preliminare alla raccomandazione che le persone immunodepresse ricevano richiami ma non potrà votare formalmente sulla questione fino a quando i regolatori federali non concederanno la piena approvazione dei vaccini o modificheranno le regole sull’autorizzazione di emergenza.

La preoccupazione della Casa Bianca è aumentata dopo che il Dipartimento della sanità pubblica di San Francisco e lo Zuckerberg San Francisco General Hospital and Trauma Center hanno dichiarato che avrebbe offerto dosi di richiamo di Pfizer o Moderna alle persone che avevano ricevuto il siero monodose di Johnson&ohnson, ha detto una fonte.

I funzionari della Fda stanno cercando di determinare se una dose di richiamo potrebbe creare il tipo di immunità duratura derivante dalle comuni vaccinazioni infantili, ha detto una fonte. La serie di vaccini contro il poliovirus a quattro dosi, ad esempio, si traduce in immunità permanente.

cos

(END) Dow Jones Newswires

August 06, 2021 03:38 ET (07:38 GMT)

Segnali:

Vaccini: Pfizer pronta a chiedere autorizzazione a Fda per terza dose a 16-17enni
(LaPresse) – Pfizer è pronta a chiedere l’autorizzazione alla Food and Drug Administration degli Stati Uniti per una terza dose di vaccino anti Covid anche per chi ha 16 e 17 anni. Milano ...
Vaccino Covid, in Usa terza dose per immunodepressi. Israele estende richiamo a over 50
“La campagna per la vaccinazione degli over 60 è un gran successo”, ha spiegato Bennett La decisione della Fda americana. approfondimento. Vaccino Covid, terza dose in Israele. Con una ...
Articoli 2021 di Piano Vaccini Covid
Il punto di Luca Ricolfi sulla strategia di contrasto al Covid: "il vaccino serve ma non basta. Fare di più su tracciamento elettronico dopo Immuni e sui filtri d ...
Articoli 2021 di Coronavirus Usa
Usa, 30 scienziati chiedono all'FDA di rilasciare i documenti sul vaccino Pfizer. La risposta dell'ente regolatore: "Ci vogliono 55 anni". Attesa la decisione del Tribunale ...
Coronavirus nel mondo, Ue su Omicron: "Cautele, ma niente panico". Israele: "Tre dosi proteggono da Omicron"
Ci aspettavamo una nuova variante e siamo pronti ... raccomandato che che la terza dose di richiamo del vaccino venga fatta a tutti, dai 18 anni in su. "Il Cdc sta rafforzando la sua ...
Vaccini in tempo reale
Prime dosi: Sono le prime dosi dei vaccini che prevedono una seconda dose ... Si utilizza una dose di Pfizer o di Moderna. • Il richiamo, o dall’inglese dose “booster”, che da inizio dicembre è ...
bambini saranno pronte dal 13 dicembre".
"Gli scienziati dicono di non saperne abbastanza" su Omicron ... per il richiamo del suo vaccino agli adolescenti di 16-17 anni negli Usa. Per ora la terza dose è autorizzata dalla FDA solo ...
Pfizer testerà il terzo vaccino contro il COVID in bambini sotto i 5 anni dopo che le due dosi non sono state all'altezza
Cronaca - Pfizer e Biontech metterà alla prova una terza dose del loro vaccino COVID su neonati e bambini da 6 mesi a 5 anni dopo che la società ha detto che due dosi non sono riusciti a innescare una ...
Vaccini, in Fvg scatta l'ora dei bambini. Al Burlo di Trieste prime dosi il 16 dicembre
Il Primario del San Martino di Genova: «Se ci fosse un'alternativa potremmo anche pensarci, ma non esiste ad oggi. Ci sono le terapie, ma sono complementari. Senza vaccini non ne usciremo mai» ...
Omicron, terza dose e 2G: le ultime notizie sul coronavirus
Il Sudafrica è il Paese più colpito nel continente africano dall'inizio ... i vaccini, che rimangono lo strumento di prima linea nella lotta contro il coronavirus. La FDA non ha comunque ...
Coronavirus, le ultime notizie dall’Italia e dal mondo sul Covid, il green pass e i vaccini
E — inoltre — prevedono pronti per ... rassicuranti su Pfizer ai bambini. «Vaccinare tra i 5 e gli 11 anni» «La raccomandazione attuale è di somministrare dosi di richiamo preferibilmente ...
Pregliasco d'accordo con Toti: 'Sì a obbligo vaccini per over 50'
Cronaca - Quindi, l'istituzione ha questa opportunità e necessità di difendersi dal punto di vista della possibilità di non far saturare le strutture'. Il 70% di vaccinati direi che è un buon inizio', ...

Usa: FDA vaccine recall strategy ready in early September

The U.S. Food and Drug Administration (FDA) is expected to complete a vaccine booster strategy against Covid-19 by early September, which will determine when and which vaccinated individuals should receive a new injection, some people familiar with said. discussions within the agency.

The Biden administration is pushing for the rapid release of a recall strategy because some groups - people aged 65 and over and immunosuppressed, as well as those who received the injections in December or January shortly after they were launched - may need reminders already this month,