Usa: valutano sanzioni contro invio petrolio Iran in Venezuela


L’amministrazione statunitense sta valutando nuove sanzioni e altre misure legali nel tentativo di bloccare le esportazioni di petrolio iraniano in Venezuela, secondo quanto hanno riferito alcuni funzionari degli Stati Uniti, mentre la Repubblica islamica tenta di acquisire influenza in America Latina, a discapito degli Usa.

La possibilità di nuove sanzioni e azioni legali statunitensi arriva mentre cinque petroliere iraniane si stanno dirigendo verso il Venezuela, offrendo potenziale linfa vitale al presidente Nicolas Maduro, secondo i funzionari statunitensi e iraniani e il sito web TankerTrackers.com

L’Iran ha avvertito che si vendicherà contro gli Stati Uniti se le sue navi verranno bloccate. Mentre i mercati del greggio si riprendono dallo scompiglio causato dalla pandemia di coronavirus che ha eroso la domanda e generato una devastante caduta dei prezzi, la Repubblica islamica ha colto l’opportunità di usare il suo petrolio per ottenere il favore di Paesi rivali degli Usa, come il Venezuela e la Siria.

La presenza dell’Iran in Venezuela ha lo scopo di aiutare il Paese a “ottenere un vantaggio nell’area per contrastare gli interessi degli Stati Uniti”, ha detto l’ammiraglio Craig Faller, che dirige il comando meridionale degli Stati Uniti nei Caraibi, in una videoconferenza organizzata dalla Florida International University lunedì.

Le petroliere dirette in Venezuela trasportano prodotti petroliferi iraniani per un valore di circa 45 milioni di dollari, ha dichiarato Russ Dallen, economista di Caracas Capital Markets. Le pressioni statunitensi hanno recentemente bloccato le spedizioni di prodotti di raffinazione provenienti da società russe, spagnole e italiane che in precedenza avevano fornito un limitato sollievo al Paese.

I crescenti sforzi dell’Iran per costruire un avamposto commerciale e politico in America Latina rappresentano una sfida alla dottrina Monroe degli Stati Uniti, che si oppone alle interferenze internazionali nell’emisfero occidentale.

cos

Lascia un commento