Verifica politica stanca e rituale


Verifica politica di governo a fine mese, dopo le elezioni in Emilia Romagna del 26 gennaio (che però non contano a livello nazionale, secondo il premier Giuseppe Conte). Intanto, conclave nel reatino per il Pd di Nicola Zingaretti per allargare il campo delle alleanze a sinistra e preparare le richieste e punti fermi del partito in vista della verifica. Mentre prosegue, tra strappi e sospetti, il travaglio del Movimento 5Stelle e della leadership di Luigi Di Maio.

Sullo sfondo, infine, la sempreverde riforma della legge elettorale, che va “aggiustata” in vista delle prossime elezioni politiche (oggettivamente più vicine se l’opposizione a guida Matteo Salvini dovesse conquistare anche l’Emilia Romagna).