Violenza sulle donne, le norme ci sono (resta il nodo dell’applicazione)

La Corte di assise di appello di Bologna, qualche giorno fa, ha dimezzato la pena di un uomo accusato di femminicidio, motivando la riduzione con la “tempesta emotiva” determinata dalla gelosia per la partner. Un caso che ha fatto clamore ma che è solo uno dei molti, troppi casi, in cui la giustizia non riesce a tutelare adeguatamente le donne vittime di violenza maschile. L’indagine realizzata da Ipsos, d’altra parte, ci dice che il 75% degli italiani non ha fiducia negli strumenti di contrasto esistenti. Ma davvero sulla violenza maschile contro le donne siamo in Italia al punto zero sul fronte di leggi e tutele? Che cosa si è fatto e che cosa si può e deve ancora fare per contrastare una piaga che miete in media un femminicidio ogni tre giorni? A questi interrogativi dà una risposta l’ebook di Alley Oop-Il Sole 24 Ore, patrocinato dal dipartimento per le Pari opportunità, intitolato “#hodettono/2” , da oggi scaricabile gratuitamente on line.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer