Pillole

WALL STREET: indici recuperano, ma su sfondo restano timori recessione

MILANO (MF-DJ)–L’azionario Usa ha recuperato gran parte delle perdite dell’avvio, in una seduta assai volatile mentre l’inflazione rimane piú forte del programmato e gli investitori paiono sempre piú preoccupati dalla prospettiva di una recessione.Il Dow Jones scende dello 0,14% e l’S&P 500 guadagna lo 0,21%.
Il Nasdaq Composite e in aumento dell’1,08%.Il rimbalzo di oggi e stato guidato da titoli che hanno sofferto molto nelle ultime sedute, insieme ad ‘azioni meme’ come GameStop e Amc.
Le azioni di Lucid e Zoom sono aumentate rispettivamente del 14,4% e del 3,4%.
GameStop e AMC, nello stesso tempo, sono salire rispettivamente del 25,6% e del 18,2%.Non era chiaro cosa stia spingendo i guadagni di Lucid, Zoom, GameStop e Amc.”Sebbene siamo in un mercato ribassista, ci sono rally all’interno dei mercati ribassisti che possono essere pure molto forti”, ha dichiarato Keith Lerner di Truist.
“A breve termine, e visto quanto siamo in una condizione di ipervenduto e dato che stiamo iniziando a vedere le persone rosicchiare certune di queste aree che sono state le più colpite, penso che sia come minimo un aspetto positivo nel mare di rosso negli ultimi due giorni”.Le azioni sono state sotto pressione nelle ultime sessioni, a seguito dei timori per la stretta della Federal Reserve sulla politica monetaria.”I mercati temono che le banche centrali, cercando di domare l’inflazione, possano innescare una recessione o come minimo un forte rallentamento dell’economia.
Se guardi i dati dell’inflazione Cpi di ieri, forse e un pò eccessivamente presto per definire l’apice dell’inflazione”, ha dichiarato Luc Filip, manager degli investimenti di Syz Private Banking.”I mercati, a margine, hanno spostato le loro previsioni verso un atterraggio duro e un’altro inasprimento da parte della Fed”, ha dichiarato Karim Chedid, strategist degli investimenti di BlackRock.
La diminuizione dei rendimenti obbligazionari a piú lunga scadenza “suggerisce che le aspettative di crescita sono diminuite”.Per quanto riguarda il lato dell’inflazione, i prezzi alla realizzazione per la domanda finale negli Usa sono cresciuti dello 0,5% su scala mensile ad aprile, in linea con le attese del consenso degli economisti.
Sempre ad aprile, i prezzi alla realizzazione core sono saliti dello 0,4% (+0,6% m/m il consenso) e quelli per consumi personali sono cresciuti dello 0,1%.lusMay 12, 2022 11:20 ET (15:20 GMT)

adv-fon

Show More