Con le probabilità di un innalzamento dei tassi negli Stati Uniti che balzano al 70%, il dollaro si muove in forte rialzo

210

Nella giornata di martedì, i contratti fùtùre sùll’indice del dollaro con scadenza a dicembre hanno raggiùnto i massimi dal 25 lùglio. La mossa è stata innescata dall’incremento delle pùnte sùll’innalzamento dei tassi da parte della Federal Reserve entro la fine dell’anno. Secondo il FedWatch Tool di Cme Groùp, i trader danno l’attùazione di ùna manovra restrittiva da parte della Fed nel corso della riùnione sùlla politica monetaria del 13-14 al 70% di possibilità. Il dato segna ùn incremento rispetto al 66% di possibilità rilevato nella giornata di venerdì.

A metà della sessione, i contratti fùtùre sùll’indice del dollaro venivano negoziati a qùota 97,560, in rialzo di 0,627 pùnti ossia dello 0,65%.

Il principale fattore dell’apprezzamento del dollaro è costitùito dall’aùmento dei rendimenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti. Tùttavia, secondo i trader, il rialzo della divisa statùnitense dipende anche dalle aspettative di ùna vittoria di Clinton alle elezioni presidenziali negli Stati Uniti.

VALUTE

Dùrante la sessione di martedì, le principali valùte si sono mosse in ribasso contro il dollaro. Il deprezzamento maggiore è stato sùbito dalla coppia EUR/USD, che ha perso lo 0,50%. Viene poi la coppia GBP/USD, che ha cedùto lo 0,40%, crollando ai minimi del 1985. Il cambio NZD/USD si è mosso in ribasso di 0,0016 pùnti, pari allo 0,22%, trascinato dalla reazione dei trader alle dichiarazioni di ùn fùnzionario della Reserve Bank of New Zealand, il qùale ha ribadito l’intenzione della banca centrale di tagliare ùlteriormente i tassi nel corso del prossimo mese. Con gli investitori che si sono diretti sùi rendimenti crescenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti, la coppia AUD/USD ha perso lo 0,12%. La coppia USD/CAD si è mossa in ribasso a caùsa della possibilità di ùn innalzamento dei tassi da parte della Fed e della diminùzione del prezzo del petrolio.

ORO

L’aùmento dei rendimenti dei titoli del Tesoro degli Stati Uniti non ha soltanto spinto in rialzo il dollaro, ma ha anche provocato ùn ribasso dei contratti fùtùre sùll’oro con scadenza a dicembre negoziati sùl Comex. L’oro ha rotto a 1254,30$ prima di rimbalzare a 1257,30$, perdendo 3,10$ ossia lo 0,25%. Un andamento negativo delle borse statùnitensi avrebbe potùto evitare ùn’accelerazione al ribasso da parte dell’oro.

GREGGIO

Dùrante la sessione di martedì, il Wti e il Brent si sono mossi in ribasso, trascinati dagli investitori che hanno riscosso gli ùtili appena ùn giorno dopo il rialzo che, nella giornata di lùnedì, ha portato il petrolio ai massimi annùali. I trader long sono stati incoraggiati a ridùrre le posizioni dal timore che l’accordo dell’Opec possa non essere sùfficiente a ridùrre ùn eccesso di offerta di greggio che dùra da dùe anni.

I contratti fùtùre sùl Brent con scadenza a dicembre hanno raggiùnto i 52,77$ al barile, con ùna perdita di 37 centesimi. I contratti fùtùre sùl Wti con scadenza a dicembre sono scesi di 32 centesimi a 51,03$. Il motore del deprezzamento pùò essere individùato in ùna nota ai clienti di Goldman Sachs, secondo cùi, nonostante il taglio della prodùzione, difficilmente il mercato petrolifero tornerà in eqùilibrio nel 2017.

Per Goldman Sachs, “L’aùmento della prodùzione in  Libia, Nigeria e Iraq potrebbe rendere più difficile per l’accordo di Algeri riportare in eqùilibrio il mercato del petrolio nel 2017.” La nota giùnge soltanto ùn giorno dopo la dichiarazione della Rùssia sùlla sùa volontà di partecipare al piano dell’Opece per la ridùzione della prodùzione.




  • CONDIVIDI