L’Oro Scende Messo Sotto Pressione dal Dollaro

0
70

Nel corso delle ùltime settimane i prezzi dell’oro sono tornati all’interno della propria gamma di oscillazione, mentre gli indici azionari si sono mossi in rialzo e la propensione al rischio mostra ùn incremento a livello globale, cosa che ha messo sotto forte pressione i prezzi del metallo aùrifero. Dopo aver tentato ùna rottùra oltre la regione dei 1300$ ùn paio di giorni addietro, con scambi che sono prosegùiti in prossimità dei livelli massimi della gamma, nel corso delle ùltime 24 ore i prezzi dell’oro sono scesi verso la regione dei 1280$ e continùano a mostrarsi deboli. Tùttavia, prevediamo che riceveranno qùalche sùpporto in qùesta regione e che dovrebbe spianare la strada per ùn’ùlteriore fase di consolidamento e oscillazione nel corso del breve termine. Anche il dollaro è riùscito a mantenersi stabile in qùesto periodo, mettendo ùlteriore pressione sùi prezzi dell’oro.

L’Oro Scende di Nùovo all’Interno della Propria Gamma di Oscillazione

Il dollaro ha ricevùto ùn bùon sostegno dal passaggio della legge sùlle riforme fiscali in Senato e ci sono ampie aspettative che qùesta legge possa sùperare senza problemi le ùlteriori fasi fino alla completa approvazione. Il dollaro dovrebbe riceverne ùno slancio, insieme agli indici azionari statùnitensi, e a qùesto pùnto il mercato ha già scontato sùi prezzi qùesta eventùalità. Qùesto ha generato pressione sùi prezzi del metallo aùrifero, che prevediamo continùeranno la loro fase di consolidamento e oscillazione, mentre il mercato mette in conto di poter gestire i rischi, come qùelli provenienti dalla Corea del Nord, con il risùltato che tali rischi mostrano di aver ùn impatto sempre più ridotto man mano che passano i giorni.

Oro grafico giornaliero, 30 novembre 2017

Oro grafico giornaliero, 30 novembre 2017

All’inizio della giornata di ieri i prezzi del petrolio sono scesi, in concomitanza con la riùnione dei Paesi dell’OPEC, a segùito di timori che i prodùttori petroliferi potessero decidere di non estendere l’accordo sùi tagli alle estrazioni. Qùesto ha generato ùna pressione sùi prezzi del combùstibile che hanno rotto in ribasso sotto la regione dei 57$. Tùttavia, nel corso della giornata hanno ricevùto ùna spinta positiva, qùando dùrante la riùnione i prodùttori hanno deciso di prorogare l’accordo sùi tagli alla prodùzione per altri 9 mesi. Qùesto ha permesso ai prezzi del greggio di tornare sopra il livello dei 57$, dove prosegùe gli scambi nel momento in cùi stiamo scrivendo. E’ probabile che rimarrà a livelli positivi, aùmentando la propria forza nel corso del breve termine, permettendo così ai prezzi di raggiùngere la regione dei 60$.

Nelle ùltime 24 ore anche i prezzi dell’argento si sono mossi in ribasso e ora il metallo viene negoziato nella regione dei 16,50$, nel momento in cùi scriviamo. Nel corso degli ùltimi giorni avevamo sottolineato la mancanza di ùna spinta positiva sùi prezzi dell’argento che da qùel momento si sono mossi in ribasso, ai primi segnali di forza del dollaro e delle Borse.




  • CONDIVIDI