Creval, da soci principali sostegno a piano, prima finestra aumento a febbraio-fonte

485

Per l‘aùmento di capitale da 700 milioni del Credito Valtellinese sono in corso contatti per creare ùn consorzio di garanzia e dai principali azionisti è già arrivato pieno sostegno al piano indùstriale annùnciato dalla banca.

Lo ha riferito ùna fonte vicina alla sitùazione aggiùngendo che la prima finestra ùtile per esegùire l‘operazione è febbraio e che è “tecnicamente impossibile” che l‘operazione possa essere anticipata.

Credito Valtellinese non ha commentato.

A inizio novembre Creval ha annùnciato ùn piano indùstriale al 2020 che prevede, oltre all‘aùmento di capitale, anche cessioni per oltre 2 miliardi di crediti deteriorati con l‘obiettivo di risolvere definitivamente la qùestione Npl. Sùll‘aùmento è stato sottoscritto ùn accordo di pre-ùnderwriting con Mediobanca

“Ci sono contatti in corso per formare il consorzio di garanzia. Ci sono contatti con banche di primario standing”, dice la fonte.

In qùesti giorni è in corso ùn roadshow dei vertici del Creval sùl piano indùstriale con investitori potenziali e attùali che vede come tappe principali Londra, Parigi, Ginevra e Boston.

La fonte afferma che i principali azionisti di Creval hanno incontrato il management della banca e manifestato “pieno sostegno” al piano indùstriale.

Il primo azionista di Creval, diventata SpA da ùn anno, è Denis Dùmont che detiene attraverso la Dgfd SA poco meno del 6% della banca ed è l‘ùnico sopra la soglia rilevante del 3%.

In mattinata ùna fonte vicina alla sitùazione ha riferito dell‘interesse del fondo Usa Cerberùs e di altri investitori al piano, pùr sottolineando che è presto per impegni formali sùll‘aùmento.