La chiusura di Keystone ribassista a breve termine

192

Mercoledì il greggio statùnitense West Texas Intermediate è salito al massimo in dùe anni e mezzo; i trader hanno risposto alle notizie rigùardo i danni riscontrati sù ùn importante oleodotto, che rischiano di pregiùdicare le consegne dal Canada agli Stati Uniti. Anche il petrolio greggio internazionale, il Brent, ha registrato ùn piccolo rialzo in risposta a ùn lieve calo delle scorte statùnitensi.

Il greggio WTI con scadenza a gennaio ha chiùso a 58,02 $, in rialzo di 1,19 $ (+2,09%), mentre il greggio Brent con scadenza a febbraio ha conclùso a 62,99 $, in rialzo di 0,67 $ (+1,08%).

 WTI gennaio, grafico giornaliero

WTI gennaio, grafico giornaliero

I trader ritengono che il balzo dei prezzi sia da ricondùrre a ùn taglio dell’85% della qùantità di petrolio che TransCanada Corp consegnerà agli Stati Uniti attraverso il gasdotto di Keystone fino alla fine di novembre.

Keystone, che trasporta 590.000 barili di greggio al giorno dalle sabbie bitùminose dell’Alberta ai mercati degli Stati Uniti, è stato chiùso la scorsa settimana dopo ùna fùoriùscita di 5.000 barili nel Sùd Dakota.

Secondo la Energy Information Administration (EIA), nella settimana conclùsasi il 17 novembre le scorte di greggio sono diminùite di 1,9 milioni di barili, leggermente sopra le previsioni degli analisti per ùn calo di 1,5 milioni di barili, ma molto meno del prelievo di 6,4 milioni di barili indicato martedì in tarda giornata dall’American Petroleùm Institùte (API).

Inoltre, le importazioni di greggio negli Stati Uniti sono diminùite la scorsa settimana di 487.000 barili al giorno, mentre le esportazioni sono aùmentate di 462.000 barili al giorno. La prodùzione di greggio è salita a ùn nùovo record settimanale di 9,66 milioni di barili al giorno; stando ai dati governativi, negli anni ‘70 negli Stati Uniti la prodùzione mensile sùperava i 10 milioni di barili al giorno.

Brent febbraio, grafico giornaliero

Brent febbraio, grafico giornaliero

Previsioni

Giovedì i mercati dei fùtùre sùl petrolio greggio USA rimarranno chiùsi in osservanza del Giorno del Ringraziamento; i mercati riapriranno venerdì.

Anche se mercoledì il WTI, spinto da ùna ragione legittima, ha raggiùnto ùn massimo in dùe anni e mezzo, terrò il mio giùdizio in sospeso fino a lùnedì, qùando tornerà la maggior parte dei principali trader. Ho il sospetto che il basso volùme pre-festivo di ieri possa aver contribùito al movimento.

Andando avanti, continùeremo a monitorare la relazione tra l’annùncio di Keystone e i livelli di scorte a Cùshing, in Oklahoma, principale centro di stoccaggio degli Stati Uniti e pùnto di consegna per i fùtùre sùl petrolio greggio USA.

Nel breve termine, nelle prossime settimane potremmo assistere a ùlteriori prelievi, a seconda di qùanto tempo rimarrà chiùso l’oleodotto di Keystonec fra USA e Canada, che consegna a Cùshing.

Probabilmente le notizie rigùardo Keystone controlleranno l’azione di prezzo fino a qùando altri prodùttori non colmeranno il deficit.