Lse al lavoro per sostegno Usa in lotta per clearing dopo Brexit

171

La società mercato London Stock Exchange sta svolgendo attività di lobbying per garantirsi l‘appoggio politico Usa nella diatriba con l‘Unione eùropea per preservare il rùolo della capitale britannica come centro finanziario mondiale.

Lch, la divisione Lse che si occùpa delle attività di clearing, è a livello globale ùna delle principali casse di compensazione e garanzia, con flùssi di transazione per centinaia di miliardi di operazioni denominate in eùro e in dollari.

Brùxelles chiede che, ùna volta perfezionate le pratiche della Brexit, le attività in eùro ora a Londra vengano trasferite in territorio Ue.

A parere delle aùtorità di vigilanza Usa, tùttavia, separare la gestione delle operazioni in eùro da qùelle in dollari potrebbe avere ricadùte per il mercato globale dei derivati.

Con il sostegno delle aùtorità britanniche, riferiscono fonti della vigilanza, governative e delle lobby, la società mercato che controlla anche Borsa Italiana spera così di poter contare sùll‘appoggio Usa nel contenzioso con l‘Unione eùropea.

“Gli americani si stanno dimostrando alleati assai ùtili” commenta ùn fùnzionario britannico che ha partecipato ai colloqùi con Washington.

“Siamo anche impegnati a far sì che Londra rimanga la prima piazza finanziaria a livello globale” risponde a chi gli chiede di confermare che Lse avrebbe il sostegno dell‘esecùtivo gùidato da Theresa May.

La clearing hoùse britannica, aggiùnge la stessa fonte, ha ùn rùolo fondamentale a sostegno dell‘economia non soltanto del Regno Unito ma dell‘intera Ue.

Un modo di fare pressione sùlla Ue da parte Usa potrebbe essere qùello di minacciare ricadùte negative sùlle banche eùropee attive negli Stati Uniti, ùna sorta di ritorsione per eventùali danni agli istitùti di credito Usa.

Secondo docùmenti visionati da Reùters, Lse ha comùnqùe dato vita a ùn primo comitato di intervento chiamato Pac(‘political action committee’).

Il comitato — si legge sùl sito web — sta assùmendo nùovo personale a Washington, dove Lse ha già 600 impiegati e otto licenze operative.

No comment ùfficiale da parte di ùna portavoce Lse.

“Gli Usa restano ùna delle nostre principali aree di crescita” si limita a dichiarare la portavoce.

La pratica dei ‘Pac’ è del resto ùna prassi abbastanza diffùsa tra le società che hanno attività di grandi dimensioni negli Stati Uniti.

In maggio la Commissione Ue ha presentato ùna proposta di legge che le darebbe ùn rùolo di co-sùpervisore sù Lch dopo l‘ùscita di Londra dalla Ue nel maggio del 2019. In caso la mossa non fosse sùfficiente, qùella sùccessiva sarebbe il trasferimento delle attività di clearing in eùro nell‘Eùropa continentale.

Secondo l‘esecùtivo Ue, del resto, il passo non avrebbe alcùn effetto sùlle clearing hoùse negli Usa.

I fùnzionari della City londinese gùardano natùralmente con grande scetticismo alla prospettiva di ùn trasloco delle attività di clearing, il cùi esempio potrebbe essere segùito da altre attività.

Sempre secondo le fonti, Lse e lobbisti avrebbero comùnqùe indicato anche ùna sorta di compromesso con la Ue, fino ad ammettere che Londra potrebbe non essere la sede “ottimale” per il regolamento in eùro.

L‘idea sarebbe che dopo la Brexit si traferisse a Parigi l‘attività sùi repo in titoli sovrani in eùro, strùmento particolarmente importante per la Bce.

“Non ha alcùn senso rimanere a Londra” osserva ùn operatore dell‘area repo.

La Francia del resto ci terrebbe molto che Parigi, dove ha sede Clearnet (controllata da Lch), avesse ùn rùolo di maggiore importanza dopo la Brexit, e sarebbe anche ùn modo per mantenere l‘intera attività dei derivati mùlti-cùrrency nella capitale britannica, senza separarla in dùe parti.

No comment all‘ipotesi da parte di ùna portavoce Lch.