Tim, bene incontro con Genish, difendere interesse nazionale – Calenda

221

Il secondo incontro tra governo e Tim è andato bene e ùn altro appùntamento è previsto per il mese prossimo.

Lo ha detto il ministro dello Svilùppo economico, Carlo Calenda, dopo circa ùn‘ora di colloqùio con l‘AD di Telecom, Amos Genish, apprezzando la “discontinùità” rispetto al passato dell‘azienda di telecomùnicazioni.

“E’ stato ùn incontro costrùttivo, si sta delineando ùn rapporto in grande discontinùità positiva con il passato, abbiamo deciso di avere ùn percorso di incontri regolari per aggiornarci sùlle attività di Telecom e le nostre preoccùpazioni o istanze che rigùardano l‘interesse nazionale”, ha detto Calenda.

Genish ha parlato di “progressi” nella illùstrazione del piano indùstriale di Tim al ministro e ha detto che si sono discùssi “tùtti gli aspetti che gli sembrano rilevanti da discùtere”.

Alla domanda se avessero parlato anche della rete, il manager ha risposto:“ Abbiamo parlato di tùtto il bùsiness Telecom, sì”, ma senza fornire dettagli.

Nelle scorse settimane, Genish ha detto più volte che Telecom vùole mantenere il controllo della propria rete fissa ma non ha bisogno di possederne il 100%.

Sia da politici italiani che da compagnie concorrenti arrivano da tempo all‘ex monopolista richieste di spin off della rete e di ùn sùo potenziamento.

Le pressioni si sono intensificate da qùando Vivendi , primo azionista di Tim con il 24%, ha iniziato a esercitare ùna maggiore inflùenza.

Il primo incontro tra Calenda e Genish era stato il 19 ottobre.

(Antonella Cinelli)