Agenzia entrate chiarisce limiti a utilizzo derivati nei Pir

111

ROMA, 26 febbraio (Reuters) – L‘Agenzia delle entrate fornisce nuovi chiarimenti sul regime fiscale dei Pir, i Piani individuali di risparmio, chiarendo in particolare i limiti all‘inclusione di derivati nel nuovo strumento.

Introdotti a fine 2016, i Pir sono prodotti finanziari studiati per canalizzare il risparmio delle famiglie verso gli investimenti produttivi, soprattutto di piccole e medie imprese.

I redditi generati dai Pir non sono soggetti a imposizione, pertanto non sono tassati come redditi di capitale e non sono soggetti all‘imposta di successione.

La raccolta complessiva dell‘intero 2017 ammonta a 11 miliardi, secondo il ministero dell‘Economia.

L‘Agenzia, tramite una circolare, ha chiarito che l‘utilizzo di derivati all‘interno di un Pir dovrebbe limitarsi a ridurre il rischio o ad incrementare il guadagno derivante dall‘investimento sottostante, “piuttosto che ad…


Agenzia entrate chiarisce limiti a utilizzo derivati nei Pir è stato pubblicato su Reuter dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati. (Bond )