Banche: Sabatini, oltre attese dati Abi-Cerved su sofferenze

95

“I dati contenuti nel rapporto illustrano gli ottimi risultati, superiori alle attese, che il settore bancario italiano ha saputo realizzare in termini di riduzione dell’esposizione ai crediti deteriorati”.

Lo ha detto il d.g. dell’Abi, Giovanni Sabatini, commentando l’outlook Abi-Cerved sulle sofferenze delle imprese. “Le previsioni per il prossimo biennio mostrano un ulteriore recupero nella qualità del credito, sia per quel che concerne gli stock sia per i flussi di nuove sofferenze. Ciò lascia intendere che la questione della gestione dell’elevato ammontare di crediti deteriorati ereditati con la crisi -ha proseguito Sabatini- è in via di accelerata soluzione e le banche italiane possono tornare a guardare con ottimismo al futuro, concentrandosi sulla crescita delle attività a supporto del settore produttivo”.

In base agli ultimi dati disponibili, dicembre 2017, nell’anno passato lo stock di sofferenze accumulate dalle banche italiane, che in termini lordi si erano quintuplicate tra 2008 e 2016 (da 41 a 201 miliardi di euro), si è attestato a 167 miliardi in termini lordi, in calo del 17% rispetto a fine 2016, con una diminuzione di analoga entità nel segmento dei crediti originati dalle imprese (-18%). Il calo è ancora più incoraggiante se si tiene conto delle sofferenze nette, che sono passate da circa 87 miliardi di euro a fine 2016 a 64 miliardi a fine 2017 (-26%).

vs

Copyright (c) 2018 MF-Dow Jones News Srl


Banche: Sabatini, oltre attese dati Abi-Cerved su sofferenze è stato pubblicato su Dow Jones News dove ogni giorno puoi trovare notizie di economia e mercati.