Dalle docce al circo, “l’agenda” dell’Elemosiniere del Papa per i senza tetto

7

Gli abitanti dello stabile occupato di Via Santa Croce in Gerusalemme un tetto sopra la testa, in qualche modo, ce l’hanno. Il raid di domenica per riattaccare luce e riscaldamento è quindi, in qualche modo, una novità nella frenetica attività del cardinale Konrad Krajewski, in genere dedita alle persone senza fissa dimora. Era già noto alle cronache sin dalla sua nomina a Elemosiniere Pontificio dell’agosto 2013, una delle prime del pontificato di Francesco. Che gli disse di andare in giro ad aiutaere la gente, e non aspettare che arrivassero le richieste di elemosina. Detto fatto: il sacerdote polacco, ora ha 55 anni, promosso prima vescovo e poi lo scorso anno cardinale, ha messo in piedi una task force che prima non esisteva: ha “reclutato” dei giovani della Guardia Svizzera Pontificia, che a turno la sera tardi lo accompagnano per Roma (ma si è spinto anche nelle zone terremotate del Lazio e dell’Umbria) a portare coperte e cibo ai “barboni” della Stazione Termini. e di altre zone di accoglienza.

GUARDA IL VIDEO – Dalle docce per clochard al contatore riattivato, chi è don Corrado, l’elemosiniere di Papa Francesco

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer