Italiani formichine: cresce la ricchezza, nonostante gli stipendi al palo

7

MILANO – Non ci sono al mondo ‘formichine’ come le famiglie italiane, che hanno un patrimonio – poggiato per più della metà sul mattone – che supera di oltre otto volte il reddito medio disponibile. Ma il divario rispetto ai principali Paesi del mondo si sta riducendo e se la ricchezza accumulata dai nuclei tricolori è tanta, si deve (anche) al fatto che da vent’anni gli stipendi sono stagnanti.

Una nuova pubblicazione congiunta di Istat e Banca d’Italia dice che alla fine del 2017 la ricchezza netta delle famiglie (ovvero le attività non finanziarie come le case, quelle finanziarie come i depositi e gli investimenti in azioni meno i debiti) è risalita a 9.743 miliardi di euro, aumentando dell’1 per cento rispetto al 2016 grazie al supporto registrato nella parte finanziaria.

Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer