Migranti, pattugliatore della Marina soccorre gommone in difficoltà

4

Nuova operazione di soccorso della Marina Militare al largo della Libia. La nave “Cigala Fulgosi” è intervenuta questa mattina per trarre in salvo circa novanta migranti a rischio annegamento alla deriva a bordo di un gommone in difficoltà. L’intervento, secondo quanto si apprende da fonti qualificate, il recupero dei migranti è stato deciso perché le condizioni meteo sono in peggioramento, l’imbarcazione si trova senza motore ed è in precarie condizioni di galleggiamento. Secondo quanto riporta un tweet della Ong Alarm Phone, in contatto con i migranti, a bordo del gommone sarebbe morta una bambina di 5 anni.

Lo stato di pericolo dell’imbarcazione era stato segnalato già ieri dai tweet pubblicati da alcune Ong sollecitando l’intervento del pattugliatore “Fulgosi” in navigazione a poca distanza dalla zona dove si trovava l’imbarcazione. «Le persone sono in grave pericolo – ha scritto ad esempio Alarm Phone – e sono ancora abbandonate in mare. Non c’è alcun soccorso in vista anche se da bordo vedono un elicottero». «È necessario un intervento urgente» aggiungeva Mediterranea Saving Human sottolineando che «in zona» c’è la nave «P490 Cigala Fulgosi di @ItalianNavy». Anche Sea Watch, che domenica avveva lanciato l’allarme dopo l’avvistamento del gommone da parte di un aereo, ha chiesto l’immediato soccorso ai migranti. «Queste persone sono in pericolo da ore. Ci stiamo rifiutando di vederle».

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer