Web tax in panne, rischio "buco" da 150 mln per le casse dello Stato

8

Web tax in panne: all’appello, per la piena operatività della tassa sulle transazioni digitali mancano ancora le regole attuative, frenate anche dal mancato accordo in Europa sulla tassazione dei giganti del web. Il termine del 30 aprile è scaduto nel silenzio del legislatore, ma l’inerzia di Mef, Mise, dell’Agenzia dell’Italia digitale e delle Authority sulla privacy rischia di creare un “buco” da 150 milioni di euro nei conti del 2019, che si allarga a 600 mln di euro l’anno a regime. La nuova tassa, dopo il restyling previsto dalla manovra 2019 della norma già introdotta per il 2018 e mai attuata, prevede un’aliquota del 3% per le aziende con oltre 750 milioni di ricavi di cui almeno 5,5 milioni da servizi digitali in Italia.

In attesa del decreto attuativo
Per essere riscossa la web tax ha bisogno di un decreto attuativo del ministero dell’Economia di concerto con lo Sviluppo economico, sentito il Garante per la privacy e l’Agid. Il termine per emanare il provvedimento era fissato appunto in 4 mesi dall’entrata in vigore della legge di Bilancio, ma le indicazioni contenute nel decreto, che renderebbero pienamente operativa la web tax, si applicherebbero poi dal «sessantesimo giorno» dalla pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale.

Leggi anche altri articoli di Economia o leggi la fonte


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer