La lezione di Mister Spotify: l’Europa può ancora avere un ruolo forte nell’hi tech

21

TORINO – Sono 44 fondatori, hanno una startup che sperimenta tecnologie avanzate, dall’aerospazio al biotech, sono europei, e spesso attraversano una fase cruciale: stanno cercando i fondi necessari per far diventare vera la loro idea. Sono stati selezionati con cura, e di fronte hanno finalmente il campione continentale della startup che ce l’ha fatta. Il fondatore di Spotify, lo svedese Daniel Ek, 36 anni, è tra i pochi fondatori di un grande brand tech a venire dall’Europa. Tutti i fondatori, Ek incluso, sono stati convocati a Torino da John Elkann, presidente di Fca e Fondazione Agnelli, che ha dato vita a SEI, una scuola che insegna imprenditorialità e innovazione, e con il SEI Forum vuole far incontrare gli scienziati con un potenziale da imprenditore e quelli che il percorso l’hanno già intrapreso.

Per due giorni, nella settimana della prima Italian Tech Week…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer