ArcelorMittal, accordo sulla sicurezza dell’impianto di Taranto. Ma la Fiom attacca

18

MILANO – Piani di investimenti straordinari di manutenzione e incontri area per area, nello stabilimento di Taranto e nelle società controllate, per fare il punto sugli interventi da mettere in campo.

Si è chiuso con un accordo “l’aspro confronto” tra ArcelorMittal, la proprietaria dell’ex Ilva, e i sindacati, “nonostante le resistenze dell’azienda”. Prevede di “assumere provvedimenti urgenti e straordinari. Questo è un primo passo finalizzato a dare risposte in tema di sicurezza degli impianti e di prevenzione degli incidenti”. Così Gianni Venturi, segretario nazionale Fiom-Cgil e responsabile siderurgia, ha descritto la chiusura del tavolo al Mise riunito ieri alla presenza del Ministro Luigi Di Maio, di ArcelorMittal e delle organizzazioni sindacali sulla sicurezza nell’impianto pugliese.

“Nel verbale, in primo luogo, – spiega Venturi – si prevede la presentazione di Piani di investimenti straordinari legati alle manutenzioni ed attivazione di incontri ad hoc…
Leggi anche altri post Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer