L’Italia si dà ai Panda Bond: la Cdp emetterà titoli in Cina

20

PECHINO – Arrivano i Panda Bond. La Banca Popolare Cinese, la banca centrale di Pechino, ha autorizzato Cassa depositi e prestiti a emettere titoli di debito denominati in renminbi, dicono a Repubblica fonti interne all’istituto, aggiungendo che la comunicazione è già stata inviata a Cdp. E dalla Cassa arriva la conferma.
 
Quattro mesi esatti dopo la visita di Xi Jinping in Italia e la nostra adesione alla Via della seta, si sblocca così un’operazione in discussione da mesi, un passo in avanti nella collaborazione finanziaria tra Italia e Cina. Due settimane fa il ministro delle Finanze Tria aveva anticipato l’emissione imminente, spiegando che la prima sarà di 150 milioni di euro (circa un miliardo di RMB, ndr), “per ora”, e che i soldi raccolti serviranno a “finanziare le imprese italiane” attive in Cina.
 

Economia o leggi originale


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer