Argentina: Fernandez, siamo in default virtuale

16

“L’Argentina è in un default virtuale e nascosto, come mostrato dal piano proposto dal Governo per ristrutturare il debito di breve termine”.

Lo ha detto il candidato peronista alla presidenza dell’Argentina, Alberto Fernandez, la cui vittoria alle primarie nelle scorse settimane ha scatenato il selloff sul peso che in ultima analisi ha spinto Buenos Aires a chiedere una rinegoziazione del debito ai creditori, tra cui l’Fmi.

Proprio l’organizzazione basata a Washington, che ha prestato all’Argentina 57 mld usd nel 2018, è secondo Fernandez “in parte responsabile della situazione attuale”.

Il candidato peronista ha indicato che a suo avviso per rilanciare il Paese è necessario un “piano per rilanciare i consumi” e che se vincerà le elezioni, “non chiederò all’Fmi il permesso per implementarlo”.

lus

 

Leggi anche altri post Agenzie


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer