La partita perfetta: se vincere è l’unica cosa che conta

14

“Se il mondo rassomiglia in modo impressionante a un campo di calcio …seduto sullo sterminato tappeto verde a scavarci buche con la sua paletta d’oro zecchino c’è ancora oggi Lionel Messi”. Sono le parole di Leonardo Colombati ad aprire la “partita perfetta” del numero di IL, maschile, in edicola dal 30 agosto con Il Sole 24 Ore. Una copertina dedicata al calcio, gioco e affare, epica e commedia, fede secolarizzata e fabbrica di semidei: mentre comincia la nuova stagione, una squadra di scrittori mette in campo la sua formazione. Cristiano Ronaldo, Mario Balotelli, Dani Alves, Andrea Belotti, Mattia Destro, Manolo Prestin, Daley Blind, Aron Gunnarson, Nicolò Bare…
Leggi anche altri post su Economia Italia o leggi originale
La partita perfetta: se vincere è l’unica cosa che conta


Questo contenuto è stato importato con un sistema automatizzato, senza intervento umano. È possibile segnalare la rimozione dei contenuti, leggendo prima le nostre Note Legali Disclaimer